Home » Blog » Pelle Grassa: Cheratolitici e Antibatterici

Pelle Grassa: Cheratolitici e Antibatterici

da | 22 Mar 2022 | Blog | 0 commenti

Una veloce carrellata di attivi utili per combattere punti neri, brufoli e pelle acneica. La pelle grassa può essere aiutata molto, basta saper scegliere i…

 

La pelle grassa, al pari di altri tipi di pelle ha ugualmente bisogno di cure e attenzioni. Abbiamo tutti passato una parte della nostra vita a litigare con punti bianchi e punti neri, provando probabilmente la qualsiasi.

Conoscere gli ingredienti che potrebbero aiutarci in caso di pelle grassa e come agiscono è importante per poter trovare il cosmetico più giusto per la nostra pelle. Imparate ad ascoltare la vostra pelle. Non siamo tutti uguali e oltre tutto la nostra pelle cambia nel tempo. Uno sbalzo ormonale, il passare degli anni, sono molti i motivi per cui la nostra pelle può diventare più o meno grassa.

Per cui imparate ad ascoltarvi e imparate a capire quali ingredienti sono più adatti per voi oggi. E se provate un cosmetico che non sembra funzionare per voi, bene, cercatene un altro. Non c’è una ricetta che vada bene per tutti. Il mio compito oggi è quello di aiutarvi a conoscere un po’ di più alcuni ingredienti utili per la pelle grassa e a tendenza acneica, per aiutarvi nella ricerca e nella scelta del prodotto più adatto per voi.

Dopo questa premessa continuiamo quindi con il nostro tour tra gli attivi che piacciono a chi ha la pelle grassa, con punti neri, bianchi, brufoletti e una tendenza acneica

 

pelle grassa brufoli

 

cheratolitici e i cheratoplastici

Per contrastare la ipercheratinizzazione servono i cosiddetti cheratolitici e i cheratoplastici.

  • I più efficaci sono gli idrossiacidi, come l’acido lattico e lacido salicilico. Utilizzati in un prodotto con un pH acido svolgono una funzione esfoliante superficiale. Questo fa sì che i corneociti follicolari siano meno coesi tra di loro e non facciano da “tappo” sulla nostra pelle; perché questo potrebbe portare alla formazione di comedoni. L’acido salicilico poi, è forse il più adatto in quanto affine al sebo.
  • Si può usare allo stesso scopo l’acido piruvico, che è un alfa-cheto acido. Rispetto agli AHA (alfa idrossiacidi) ha una minore idrofilia ed è più affine all’ambiente lipofilo della pelle. Questo fa sì che abbia una potente azione sebo-statica, antimicrobica e comedolitica. I dermatologi possono utilizzarlo a concentrazioni alte (40-60%), nei cosmetici invece si trova a concentrazioni decisamente più basse, all’interno di creme o nei prodotti cosiddetti leave-on (che non si sciacquano). Ma anche a concentrazioni basse riesce comunque ad essere efficace.
  • Ci sono poi degli altri attivi che contengono zolfo organico e per questo sono cheratolitici e cheratoplastici. Sono il GSH (glutatione), e gli amminoacidi solforati (cisteina, cistina, metionina).

 

britney brufoli pelle grassa beautycologa

 

Antibatterici

L’acido azelaico è un acido bicarbossilico che riesce ad inibire la formazione di acidi grassi liberi sulla pelle, insomma aiuta la pelle grassa a ritrovare il suo equilibrio. Viene usato anche in campo dermatologico per curare l’acne. Ovviamente e come al solito in campo cosmetico quando si usa lo si fa a concentrazioni più basse rispetto ai prodotti topici prescritti dai dermatologi. Non è solubile in acqua  e anche abbastanza appiccicoso, per questo è senza dubbio uno degli incubi peggiori per un formulatore.

I battericidi sono regolamentati dal Regolamento (CE) n. 1223/2009 (Allegato V). Quelli più usati per la pelle seborroica sono l’acido undecilenico, e i suoi derivati, e la clorexidina (che l’avrete probabilmente già sentita in alcuni colluttori o dentifrici). Ci sono anche delle sostanze di derivazione naturale con azione simile, come ad esempio la corteccia di abete rosso (picea abies) che è antibatterica e anti radicali liberi. Gli acidi boswellici (che derivano dalla boswellia) sono famosi per essere utili contro l’invecchiamento ed per essere anche dei fotoprotettori. Sono però anche molto efficaci contro l’acne. L’avete presente il mangostano? E’ un frutto tropicale, a volte lo si trova al supermercato sotto Natale, dalla sua buccia si ottiene un estratto ricco di flavonoidi che è molto efficace contro la maggior parte dei microrganismi che causano l’acne.

 

mangusteen punti neri pelle grassa

 

Opacizzanti e sebo-assorbenti

Spesso vengono aggiunti sia nelle creme che nei fondotinta e nei correttori per pelli grasse delle sostanze che riescono ad opacizzare la pelle, perché questo tipo di pelle ha la tendenza a diventare lucida.

Gli ingredienti che vengono usati più spesso per opacizzare la pelle sono il caolino, il talco, gli amidi e l’ossido di zinco. Quest’ultimo, spesso usato anche nelle pomate per il pannolino dei bimbi, è anti-arrossante e lenitivo.

Ci sono anche texturizzanti speciali, come il nylon caricato con acido lattico, che uniscono all’effetto opacizzante anche un’attività purificante.

Gli allantonidi, il pantenolo e l’acido glicirretico sono invece ingredienti lenitivi e addolcenti che di solito vengono usati in combinazione con tutti gli altri ingredienti di cui abbiamo appena parlato per aiutare la pelle grassa a ritrovare il suo equilibrio.

 

pelle grassa punti neri e brufoli

 

conclusioni

Tutto chiaro fino a qui?

Se non l’avete ancora fatto vi consiglio di andare a leggere il mio articolo sull’acido salicilico e quello sugli attivi sebo-normalizzanti. Alla fine sono certa che trovare il prodotto giusto per la vostra pelle grassa non sarà più un problema.

 


CREDITS:

Tutte le Gif: giphy.com |

Pigmenti (organici) nel MakeUp

Il make-up fa impazzire tutti, le donne, che si sentono in un attimo più belle, e gli uomini che perdono ogni nume...

L’Acido Azelaico

L’Acido Azelaico

L’Acido Azelaico è uno di quegli attivi cosmetici che non potete non conoscere. Perché? Prima di tutto perché è...

0 commenti

Invia un commento

Pin It on Pinterest

Share This