Home » Blog » Rosacea: come conviverci

Rosacea: come conviverci

da | 23 Feb 2023 | Blog

Le regole d'oro da seguire, gli ingredienti e i cosmetici da utilizzare o da evitare

Dopo aver capito cos’è la rosacea (se hai perso il mio articolo lo puoi recuperare qui)  , chi colpisce e come si manifesta, è arrivato il momento di imparare le regole d’oro per conviverci al meglio.

 

Le regole d’oro per chi ha la rosacea

  • Evitare tutti i trigger che vi ho menzionato nel primo articolo (o almeno cercate di evitarli il più possibile)
  • Proteggetevi dal sole, per prima cosa evitandolo, poi con cappelli e vestiti e se proprio dovete esporvi al sole utilizzate la protezione solare. Scegliete un prodotto testato sui pelli sensibili eun SPF che sia almeno 30 e che abbia sia filtri UVA che UVB da utilizzare tutto l’anno quando si sta all’aperto. Meglio preferire prodotti con texture leggere e non molto grasse o pesanti che potrebbero peggiorare la dermatosi. Vanno benissimo i prodotti che contengono siliconi come il dimeticone o il cicolmeticone, che aiutano a diminuire l’irritazione. Scegliere protezioni solari colorate, che contengono quindi ossidi di ferro, in grado di proteggere dalla luce visibile (in particolare dalla luce blu). Invisible Shield è stata pensata proprio per questo.
  • Utilizzare detergenti delicati, testati su pelli sensibili. È possibile usare anche quelli schiumogeni, ma sarebbe meglio puntare a quelli oleosi. In alcuni casi chi soffre di rosacea nei momenti di rosacea acuta non sopportano nessun detergente e neanche l’acqua del rubinetto, aspettate che il periodo nero passi utilizzando dell’acqua termale per sciacquare il viso dopo la detersione, per rimuovere i residui dell’acqua di rubinetto rimasti sul viso oppure scegliere prodotti che non necessitano il risciacquo (tipo il latte detergente). In alcuni periodi, ovvero quando sentite che la vostra pelle è sotto stress, detergersi anche solo una volta al giorno può essere abbastanza, in questo caso meglio farlo alla sera per rimuovere sporco, smog, residui di trucco o di protezione solare.
  • Le creme devono essere leggere, testate su pelli sensibili, meglio se contengono ingredienti lenitivi, potete utilizzare anche delle creme che contengono anche dei pigmenti verdi in grado di mimetizzare otticamente i rossori.
  • È possibile utilizzare correttori e fondotinta per mimetizzare i rossori e le lesioni, mi raccomando cercate prodotti oil free che risultino non pesanti sulla pelle. Fate attenzione al make-up waterproof che è più difficile da rimuovere, e cercate uno struccante oleoso delicato come Multitasking Oil che vi permette di non sfregare la pelle per rimuoverlo, basta un semplice massaggio con le mani che può rendere semplice anche la rimozione di un trucco waterproof.
  • Tamponate il viso con un asciugamano morbido e non sfregate perché potete irritare la pelle.
  • Usate sempre acqua tiepida, l’acqua calda può causare reazioni vascolari, e non lavate in viso sotto la doccia (usiamo sempre acqua troppo calda sotto la doccia). Lavate il viso dopo aver finito la doccia così il sebo e i prodotti cosmetici che avete sulla pelle faranno da barriera all’acqua che inavvertitamente può finirvi sul viso durante la doccia.
  • Attenzione ai cosmetici che contengono mentolo, peperoncino (capsaicina), canfora, eucalipto, hamamelis, attenzione anche ai cosmetici che contengono alte percentuali di alcol (se l’alcol è in percentuali basse può non creare problemi, dipende solo dalla formula se è ben bilanciata, controllate nel caso se è testata su pelli sensibili per essere sicuri che sia stata bilanciata la sua presenza con altri attivi).
  • Evitate i detergenti contenenti tensioattivi aggressivi e formule troppo lavanti, utilizzate sempre detergenti con un pH leggermente acido ed evitate il classico sapone.
  • Le fragranze nei cosmetici non sono per forza da evitare ma meglio scegliere prodotti con fragranze senza allergeni ed evitate in genere i prodotti troppo profumati.
  • Evitate gli esfolianti aggressivi come l’acido glicolico e lo scrub. La pelle con rosacea non necessita di regola di essere esfoliata.

Evitate le Skincare complicate, per intenderci quelle in stile coreano con 10 passaggi. Less is More. Meno prodotti da applicare uno sull’altro vuol dire anche meno possibilità di irritazioni.

 

ingedienti perfetti per chi ha la rosacea

 

Non parlerò ovviamente delle terapie e dei farmaci che vi potrà prescrivere il vostro medico ma voglio spiegarvi quali ingredienti cosmetici possono aiutarvi nella gestione della vostra pelle soggetta a rosacea.

  • L’acido Azelaico è senza dubbio l’attivo perfetto per chi soffre di rosacea. Pensate che si può trovare sia in farmaci che in cosmetici e ha davvero un consenso scientifico fortissimo che ne comprova l’efficacia. Perché sia efficace deve essere però contenuto in Gel al 15% o in creme (emulsioni) al 20%. Se non lo conoscete vi lascio il link al mio Multipod Gel che contiene il 15% di Acido Azelaico. In più l’acido azelaico viene utilizzato come terapia sia nel caso di rosacea che nell’acne lieve o moderata e per questo può essere utilizzato anche in quei casi in cui si capisce ancora bene se si tratta di una cosa o l’altra (della serie come si cade, si cade in piedi)
  • La Niacinamide a percentuali basse (entro il 5%) e di buona qualità. Spesso i prodotti con Niacinamide contengono una Niacinamide che ha molto acido nicotinico che può causare irritazioni. Ed è un vero peccato perché la Niacinamide è perfetta per chi soffre di rosacea: è lenitiva, e aiuta a rafforzare la barriera cutanea perché stimola la produzione di ceramdi. La trovate in tantissimi miei prodotti e in Multipod Gel (sempre a percentuali max del 5% e con un bassissimo residuo di acido nicotinico). Tenete conto che la Niacinamide tra il 4% e il 5% si utilizza anche in caso di pelle con tendenza acneica, anche in questo caso si cade in piedi se si è in dubbio tra acne e rosacea.
  • Attivi lenitivi: qui ce ne sono tantissimi tra cui scegliere, ve ne nomino qualcuno: tutti gli attivi che agiscono sui neurotrasmettitori come il pepe di Sishuan, il Sym Calmin Green (che contiene una aventramide contenuta nell’avena) o il SymSitive (che contiene una sostanza presente della Pistacia Lentisco), ma anche il bisabololo, il pantenolo, la Niacinamide (che è anche lenitiva)…
  • Filtri solari. La protezione solare deve diventare la vostra migliore amica. SPF almeno 30, con filtri UVA e ossidi di ferro (gli unici ingredienti ad oggi che hanno dimostrato di proteggere dai danni dati dalla luce visibile).
  • Pigmenti verdi, per mitigare otticamente i rossori (potete trovarli in prodotti da Skincare o da make-up)
  • Tra gli estratti naturali ottimo il tè verde e l’EGCG che contiene in quanto antiossidante e anti-infiammatorio, l’Aloe vera, l’estratto di Liquirizia, il Silymarin, il Cristantemo, l’echinacea e la boswellia. Alcuni di questi ingredienti potrebbero diminuire anche i rossori ma purtroppo le ricerche sono ancora poche.
  • La retinaldeide. Lo so che chi ha la rosacea ha sempre paura di utilizzare il retinolo o i suoi derivati ma nella bibliografia vi lascio una ricerca scientifica in cui si legge che un prodotto con retinaldeide (una forma più efficace del retinolo) allo 0,05% applicata una volta al giorno per 6 mesi ha migliorato l’eritema collegato a pazienti con rosacea nel 75% dei pazienti e molti hanno anche trovato miglioramenti nelle telengectasie (i capillari visibili per intenderci). Scegliete un prodotto ben formulato e bilanciato in modo da non risultare aggressivo sulla pelle, iniziatelo a utilizzare per gradi, senza fretta perchè è un ingrediente che può arrossare la pelle. Inserite questo ingrediente solo dopo aver già strutturato una Skincare per pelli con rosacea già da un po’ di tempo. Diciamo che non è esattamente il primo prodotto da inserire nella vostra routine, la considererei una sorta di ciliegina sulla torta.
  • La Vitamina C pura (l’Acido Ascorbico) può essere molto utile in chi soffre di rosacea perché aiuta a rinforzare i capillari. Anche questo ingrediente è di solito ingiustamente evitato da chi ha una pelle reattiva ma in realtà alla concentrazione del 5% applicato una volta al giorno si è dimostrato significativamente efficace contro l’eritema e le teleangectasie su persone con capillari visibili e zone eritematose. Fate però attenzione ai prodotti con percentuali superiori al 5%, possono aumentare il rischio di irritazioni (che l’acido ascorbico dà facilmente a % più alte) senza garantire una maggior efficacia. Fate attenzione sempre a scegliere prodotti ben bilanciati e delicati perché ogni pelle è diversa e potrebbe reagire in modi diversi in momenti diversi. L’Acido Ascorbico può provocare irritazione ed è bene tenerlo a mente, provate a introdurla nella vostra Skincare in un momento in cui la rosacea è in fase remissiva e sospendetela nei momenti di riacutizzazione se capite che in quel periodo fate fatica a sopportarla.
  • Tutti quegli attivi che aiutano a ripristinare la barriera cutanea come la Niacinamide, i Ceramidi, l’Acido lattobionico…
  • L’Acido Tranexamico si sta dimostrando utile nel trattare i rossori che accompagnano la rosacea, perchè regola la risposta immunitaria e l’angiogenesi rafforzando al contempo la barriera cutanea. Si è dimostrato efficace al 5% o al 10%. Le ricerche ci sono ma non sono ancora tantissime, e questo fa di lui un attivo dall’efficacia promettente, c’è da dire però che al momento non ci sono attivi che godono di un consenso scientifico maggiore di quello che oggi ha lui nel trattare questo tipo di rossori. Per questo è da tenere comunque in grande considerazione e conviene dargli una chance nella nostra skincare. Si è dimostrato utile anche nel calmare gli eritemi post infiammatori dovuti non solo a rosacea ma anche ad acne (le classiche macchie rosse post brufolo) e da uso di cortisonici o corticosteroidi.
  • Evitate astringenti e acidi esfolianti (come gli Alfa idrossiacidi).

Conclusioni

 

Spero di avervi schiarito le idee e che ora possiate essere in grado di gestire al meglio la vostra pelle soggetta a rosacea. Se avete bisogno di organizzare una Skicare Routine adatta alle esigenze della vostra pelle potete dare un’occhiata a quella che ho creato io e che è appositamente studiata per gestire al meglio le problematiche di una pelle come quella soggetta a rosacea.
Vi lascio il link qui

 

Bibliografia:

 

Van Zuuren, Esther. (2017). Rosacea. New England Journal of Medicine. 377. 1774-1764. 10.1056/NEJMcp1506630.

Zhang, H., Tang, K., Wang, Y., Fang, R., & Sun, Q. (2021). Rosacea Treatment: Review and Update. Dermatology and therapy11(1), 13–24. https://doi.org/10.1007/s13555-020-00461-0

  1. Vienne et al, Retinaldehyde alleviates rosacea, Dermatology, 1999, 199(Suppl 1), pp 53-6. doi: 10.1159/000051380.

Gilbert D  Hartmane I  Ancupane I  Kolontaja I  Princeva O  Rozneice K  Zitare E  Mikazans I  Tampere M  Konno P  Mery S  Merial-Kieny C. Efficacy and Tolerance of a Topical Skin Care Regimen as an Adjunct to Treatment of Facial Rosacea. Published in Cosmetic Dermatology (2010)

Jaros, Anna & Zasada, Malwina & Budzisz, Elzbieta & Debowska, Renata & Gębczyńska‐Rzepka, Monika & Rotsztejn, Helena. (2018). Evaluation of selected skin parameters following the application of 5% vitamin C concentrate. Journal of Cosmetic Dermatology. 18. 10.1111/jocd.12562.

 

 

 

 

Creme Barriera: cosa sono?

Creme Barriera: cosa sono?

Sempre più si sente parlare di creme barriera o di creme che aiutano il ripristino della barriera. Credo proprio che...

Burro di Karitè

Burro di Karitè

Il Burro di Karitè è un ingrediente che credo conoscano e apprezzino praticamente tutti. Viene chiamato anche...

La Rucola nei cosmetici

La Rucola nei cosmetici

Sì, lo so, fa un po' strano immaginare di usare la rucola nei cosmetici, e anche se in effetti la vedo meglio su un...

0 commenti

Pin It on Pinterest

Share This