La Couperose. Cos’è e come contrastarla

La Couperose è un inestetismo abbastanza diffuso. Non trattarlo nel giusto modo può portare all'insorgere di patologie come la rosacea.

La Couperose si ha quando compare un colorito rosso diffuso sulle gote, non temporaneo (come quando si arrossisce ad esempio). 

Che cos’è in realtà? I capillari di alcune parti del viso (di solito comincia sulle gote, ma può estendersi anche al naso o su altre parti del viso) diventano visibili e la pelle assume il tipico colorito rossastro.

Se i capillari si riescono a distinguere si chiama telangectasie. Se ci si aggiunge la follicolite si parla di “rosacea”. Quest’ultima è una vera e propria patologia, che ha bisogno dell’intervento di un dermatologo e non più soltanto di qualche prodotto cosmetico.

couperose rosacea beautycologa
Non nascondere la tua Couperose. Impara invece come prendertene cura.

Perché si forma la couperose

Le cause che posso provocarla sono varie:

  • L’adrenalina. Forti spaventi possono alla lunga provocare una vasodilatazione permanente. Ecco perché la nonna vi consigliava di vivere una vita tranquilla (la mia con me ha purtroppo perso le speranze). Se proprio non riuscite a fare una vita tranquilla, imparate a gestire le emozioni. A volte le emozioni che ci rimangono “dentro” vengono metabolizzate dal nostro corpo in vari modi. La Couperose può essere uno di questi.
  • Alcol e bevande troppo calde. Quindi: No a fare gli alcolizzati, ma vi potrebbe andare male anche con una tisana, lasciatela almeno raffreddare un pochino!
  • Le spezie e i formaggi fermentati.
  • I raggi solari. Soprattutto gli UV-B. Essendo violenti fanno dilatare i vasi sanguigni, così aumenta il flusso sanguigno e il suo ristagno.
  • Alcuni ormoni. Possono rendere i capillari “porosi”. Questo succede spesso alle donne che si avvicinano alla menopausa.
  • Gli sbalzi termici. Attenzione al passaggio violento dal caldo al freddo e viceversa.
  • Il Vento. Da velista e amante degli sport che si fanno con il vento, questa cosa mi dispiace tantissimo.
vento e raggi UV-B sono nemici della couperose
Piuttosto mi metto uno scafandro sulla faccia, ma al mare, al sole e al vento non posso rinunciare. Ok, comincio con un'ottima crema solare.

Chi è più soggetto

Le donne (e ti pareva?!?). Chi ha pelle più sottile, secca e che si irrita con facilità.

E se sono stata baciata dalla Dea della Fortuna e mi compare, cosa devo fare? E’ un po’ come per la cellulite. Va tenuta a bada ma farla scomparire è pressochè impossibile.

Non far nulla però è controproducente, perché se la si trascura o se addirittura si compiono azioni sbagliate o si applicano dei prodotti sbagliati, può peggiorare e diventare rosacea o rinofima. Nella rosacea come già detto viene anche una follicolite, nel rinofima invece la Couperose si estende fino al naso, che diventa gonfio e violaceo. Queste sono patologie che devono essere curate da un dermatologo.

Audrey Hepburn couperose beautycologa
Anche la mitica Audrey Hepburn è cosciente del fatto che deve fare qualcosa per la pelle del suo viso.

cosmetici per la couperose

Cosa chiediamo a un cosmetico per la Couperose?

Che crei un film protettivo, utile per gli sbazi termici e che protegga dai raggi UV-B (cosa importantissima).

Che idrati la pelle e che ne mantenga il giusto film lipidico.

Ottimi i prodotti con ossido di zinco o con Aloe Vera.

D’altra parte è buona cosa proteggere i capillari, che in queste persone sono sicuramente molto deboli. Via libera quindi alla Vitamina C che stimola il collagene, ai bioflavoloidi (Vitamina P), il pantenolo (Vitamina B-5). I flavonoidi presenti nei mirtilli e  gli antocianosidi che aumentano la resistenza dei capillari e li rendono più impermeabili.

Ottimo l’acido glicirretico della liquirizia. Il suo compito è quello di decongestionare la pelle con Couperose.

Altre sostanze attive che si prestano ai nostri bisogni sono: le saponine.

Le saponine sono presenti in tantissime piante come la centella, l’ippocastano, l’edera e il rusco. Hanno proprietà astringenti e proteggono i capillari. La calendula oltre a contenere saponine terpeniche è ricca di mucillagini, flavoxantine e olii essenziali. Altre piante da ricordare sono la Vitis Vinifera e la camomilla con il suo azulene.

camomilla ottima per la couperose beautycologa
La camomilla è un toccasana per la pelle con Couperose.

il tonico viso giusto per la couperose

Parlando di tonico. Quali caratteristiche deve avere?

Un tonico per la pelle con Couperose deve assolutamente essere senza Alcol. Utile invece la presenza di acque aromatiche. Le piante che possono venire in nostro soccorso sono: la camomilla, l’hamamelis, il tiglio, la rosa e fiori d’arancio.

Un’altra ottima pianta per questo tipo di pelle è anche il Ginko Biloba.

tonico viso in caso di couperose beautycologa
Il tonico si passa sempre con un batufolo di cotone o un panno in microfibra.

COnclusione

Se purtroppo siete stati colpiti dalla Couperose, correte ai ripari, cambiate certe abitudini e utilizzate i prodotti giusti per voi. 

Non ha senso non preoccuparsene e far sì che da un inestetismo si trasformi in una patologia che necessiterà dell’intervento di un medico. Molto meglio fermarsi prima, scegliendo il giusto cosmetico.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui